Ebola: quali Paesi sono interessati dall’epidemia ed è quindi meglio evitare almeno per il momento

221

11IN_LPN_SPAIN_EBO_2051963fNegli ultimi giorni si è spesso sentito parlare del virus Ebola, che si è diffuso in alcuni Paesi e questo fattore spaventa non poco coloro che avevano programmato un viaggetto! Tuttavia, è meglio stare attenti e non lasciarsi confondere troppo dal grande risvolto mediatico dell’intera faccenda: una scarsa informazione può infatti indurre a pensare che l’ebola si sia diffusa anche in luoghi che in realtà ne sono rimasti totalmente esclusi! Vediamo insieme di capire meglio cosa sia questo virus e quali siano i Paesi che è meglio evitare se avete paura dell’eventualità di un contagio.

Il virus Ebola spaventa perchè il suo indice di infettività e virulenza è altissimo e la sua trasmissione è molto rapida: questa avviene attraverso i fluidi corporei come muco e sangue, ma anche attraverso le lacrime, la saliva, il latte materno, lo sperma, il sudore, le feci ed il vomito. Un solo individuo infetto, quindi, determina in breve tempo il propagarsi del virus all’interno di un’intera comunità e i tassi di letalità dell’ebola spaziando dal 50% all’89%. Stiamo parlando quindi di un virus pericoloso, ed è bene essere informati in modo preciso sulle zone di diffusione di questa patologia, in modo da poterle evitare senza dover rinunciare ad altre mete solo per scarsa informazione!

I Paesi attualmente interessati dall’epidemia sono Guinea, Liberia e Sierra Leone ma alcuni casi si sono recentemente verificati anche in Nigeria e Repubblica Democratica del Congo. Meglio stare alla larga da questi luoghi, quindi, per essere più sicuri di non entrare in contatto con soggetti contagiosi, nella speranza che al più presto questa spaventosa epidemia venga arginata e il problema risolto!

Se avevate quindi in programma un viaggetto in uno di questi Paesi, il consiglio è di aspettare che le acque si siano calmate: ci sarà sempre il tempo di recuperare, magari in un secondo momento!