Guida Musei Firenze: la Galleria degli Uffizi

298

uffiziContinua la nostra guida ai musei d’Italia e di certo non potevamo dimenticare una città come Firenze, culla del Rinascimento, ricca di storia e cultura in ogni angolo. Oggi parleremo degli Uffizi, uno dei musei più famosi nel mondo, in cui sono custodite opere di inestimabile valore, frutto di mani sapienti.

Tra i capolavori pittorici del Trecento e del Rinascimento Italiano, nella Galleria degli Uffizi è possibile ammirare le opere d’arte di Giotto, Piero della Francesca, Beato Angelico, Filippo Lippi, Botticelli, Mantegna, Correggio, Leonardo, Raffaello Michelangelo, Caravaggio. Si tratta dei più grandi maestri dell’arte rinascimentale italiana, ma non sono solo queste opere che attirano ogni anno milioni di visitatori: nella Galleria degli Uffizi è possibile ammirare anche le raccolte di pittori tedeschi, olandesi e fiamminghi come Dürer, Rembrandt e Rubens.

La Galleria degli Uffizi si trova all’ultimo piano dell’edificio costruito tra il 1560 e il 1580 su progetto del grande Giorgio Vasari e per volontà del granduca Francesco I, ma in seguito fu via via arricchita grazie al contributo della famiglia Medici, da sempre appassionata di dipinti, sculture e oggetti d’arte.

Attraverso il Corridoio Vasariano, la Galleria degli Uffizi è collegata con Palazzo Pitti e con Palazzo Vecchio, altri interessanti luoghi artistici e culturali. Nel corridoio sospeso sono esposte altre importanti raccolte di dipinti del Seicento, oltre che tutta la collezione di autoritratti.

I due piani della Galleria dispongono di un accesso wi-fi dedicato. Il servizio, offerto dagli Amici degli Uffizi, è disponibile in lingua italiana e inglese e per collegarsi alla rete è necessario poter disporre di uno smartphone. Una volta collegato il vostro dispositivo,potrete trovare sulla piattaforma una serie d’informazioni utili per la vostra visita culturale. Dal sito web ufficiale è possibile anche scaricare le nuove piante della Galleria.

La Galleria degli Uffizi è aperta al pubblico da martedì a domenica, dalle ore 8.15 alle 18.50 ma se siete interessati alla visita vi conviene prenotare perchè sono davvero moltissimi i visitatori: il costo della prenotazione è di 4 euro ma solo in questo modo sarete certi di non passare l’intera giornata in coda!

 

 

 

 

 

SHARE
Previous articleItinerari del gusto: andare per funghi lungo la strada del fungo porcino
Next articlePassare il capodanno a Napoli e provincia