Guida Musei Napoli: il Museo Archeologico Nazionale

276

museo archeologico nazionaleContinuiamo la nostra Guida Musei Italia spostandoci nella bellissima Napoli: un fascino indiscutibile, ma anche un patrimonio artistico e culturale d’eccellenza fanno di questa città un vero e proprio gioiello della nostra Penisola. Qui ha anche sede uno dei più importanti musei del mondo, il Museo Archeologico Nazionale, in cui sono custoditi tutti i reperti di Pompei, Ercolano, Stabia, Cuma e Oplonti. Nelle varie sale del Museo Nazionale sono inoltre ospitate sculture, pitture, accessori, vasi, armi, monete, mosaici e collezioni davvero interessanti, provenienti da tutte le parti del mondo.

Nel museo potrete trovare tre sezioni principali:

  1. La collezione Farnese, con reperti romani come ad esempio le sculture de L’Ercole Farnese e il Toro Farnese. La collezione si trova al piano terra e tutte le sale e gallerie (1-29) sono disposte intorno al cortile orientale.
  2. Le collezioni pompeiane, con tutti i reperti rinvenuti negli scavi vesuviani, come affreschi, sculture, mosaici, armi, i Bronzi di Pompei.
  3. La collezione egizia, che raccoglie ad esempio mummie, sarcofagi, coccodrilli imbalsamati, collezioni numismatiche. La collezione si trova nel piano seminterrato (sale 18-23).

Il Museo Archeologico Nazionale è senza dubbio uno dei musei Napoli più interessanti ed importanti: si trova in Piazza Museo (fermata “Museo” della linea 1 e fermata “Cavour” della linea 2).  E’ aperto tutti i giorni ad eccezione del martedì, dalle 9.00 alle 20.00 e il costo del biglietto è di 6,50 euro (ridotto 3,50 euro).

Se vi trovate nella meravigliosa città di Napoli e volete viverne fino in fondo il fascino culturale, vi consiglio sicuramente una visita al Museo Archeologico Nazionale: il più importante tra i musei Napoli e uno dei tanti motivi di orgoglio per il patrimonio artistico di tutta la Penisola.

Per maggiori informazioni e per rimanere aggiornati sulle ultime novità sul museo archeologico, vi suggerisco di visitare il sito web ufficiale della Soprintendenza pei beni archeologici di Napoli, dove troverete tutte le informazioni nel dettaglio.

 

 

 

 

 

SHARE
Previous articleStrongmanrun 2015: il 19 settembre a Rovereto, l’evento originale!
Next articlePrevisioni meteo inverno 2015-2016: ecco cosa dicono gli esperti