Le cinque migliori enoteche di Firenze

264

Signorvino FirenzeLa Toscana si sa è celebre in tutto il mondo per i suoi vini e quindi il suo capoluogo non può essere da meno. Molti dei turisti che si recano a Firenze, infatti, vorranno ovviamente degustare un ottimo vino Toscano, per concludere in bellezza una lunga giornata di visite a musei e monumenti, o per riprendersi da un attacco di Sindrome di Stendhal.

In questo articolo vogliamo proporvi un itinerario tra le migliori enoteche di Firenze, quelle in cui si può sorseggiare un buon calice di vino in un atmosfera genuina e al riparo dalle trappole per turisti, che troppo spesso vendono prodotti di bassa qualità a prezzi salatissimi.

Il nostro itinerario parte da La Volpe e L’uva, un’istituzione in fatto di vini a Firenze, a pochi passi dal Ponte Vecchio, ma in una zona poco turistica. All’interno dell’enoteca l’atmosfera è molto accogliente e la lista dei vini, curata nei minimi dettagli, presenta etichette italiane, di grandi e piccoli produttori, ma anche straniere, soprattutto francesi. Per chi volesse è possibile accompagnare la degustazione con un tagliere di formaggi e salumi o con altri stuzzichini a base di ingredienti genuini e sempre freschi.

Sempre vicino a Ponte Vecchio, con vista sull’Arno, si trova l’enoteca Signorvino, un wine bar che offre più di mille e cinquecento etichette che partono da prezzi molto abbordabili, nonostante la zona centralissima.

Nelle stagioni miti, questa enoteca merita per la sua storica terrazza, da cui si potrà bere un ottimo vino deliziati da un panorama mozzafiato su tutto il centro di Firenze.

Infine la particolarità di questo wine bar è che offre anche un servizio di cucina, caratterizzato da piatti semplici e genuini della tradizione italiana, aperto fino alle 23.30; insomma un ottimo indirizzo anche per i ritardatari, che non saranno costretti a bere a stomaco vuoto!

Spostiamoci in zona Duomo per recarci all’enoteca Coquinarius caratterizzata da un ambiente elegante, da un’alta frequentazione di Fiorentini, e da un orario di apertura che tira fino a tardi.

La lista dei vini qui è improntata all’internazionalità: potrete viaggiare attraverso il vostro calice per tutto il mondo assaggiando vini cileni, australiani, argentini e californiani, soprattutto biologici e biologici e biodinamici.

Nel quartiere San Niccolò si trova invece l’enoteca Fuoriporta, uno degli indirizzi preferiti dai fiorentini, in cui la ricerca è la parola d’ordine: qui infatti la carta dei vini è continuamente aggiornata per garantire un’ampia rotazione delle etichette al bicchiere, mentre quelle in bottiglia sono circa 600. L’enoteca da ampio spazio alle etichette toscane, senza però fossilizzarsi sui vini locali ed offrendo anche una grande varietà di vini di altre regioni e stranieri.

Da diverso tempo accanto ai gustosi taglieri di formaggi e salumi e ad i crostini toscani l’enoteca fornisce un vero e proprio servizio di cucina per i suoi avventori.

Concludiamo con un’enoteca in Piazza Pitti, una delle piazze più belle di Firenze, l’Enoteca Pitti Gola e Cantina. In u ambiente piccolo quanto accogliente potrete degustare dei vini di ottima qualità ad un prezzo conveniente (a partire da 4 euro al calice).

L’enoteca è gestita da giovani con tanta passione che sono riusciti a creare un locale che in poco tempo si è affermato per la sua semplicità e qualità riuscendo ad arrivare ai primi posti di TripAdvisor per i locali di Firenze.

SHARE
Previous articleResidence marche: scopri dove
Next articleZanini: Vendita di arredo d’epoca