Villa Arconati: la rivisitazione all’italiana di Versailles

248

villa_arconatiVilla Arconati è una delle più belle e maestose ville storiche di Milano: si tratta di un patrimonio di grande valore, sia dal punto di vista storico, che culturale ed architettonico e merita davvero di essere visitata almeno una volta!

Considerata una rivisitazione in chiave italiana della famosa villa di Versailles del Re Sole Luigi XIV, oggi si presenta agli occhi dei visitatori come l’espressione della cura e dell’eleganza del barocchetto lombardo di fine XVIII secolo. la struttura di Villa Arconati, ad H, permette all’edificio di svilupparsi ad ovest nella corte d’ingresso con un’imponente facciata frontale e ad est nella corte nobile, con un portico interno affacciato sul giardino a molto suggestivo.

All’interno, invece, si può respirare ancora nell’aria il gusto e la passione per le arti che hanno animato in passato Villa Arconati. Questa residenza nobiliare, infatti, costituiva l’epicentro culturale intorno al quale ruotavano architetti, artisti d’impronta classica, musicisti e cavalieri: un luogo dinamico in cui ogni forma di arte si sviluppava con quella passione e quell’ amore incondizionati del tempo.

Al piano terra potete trovare il Salone del Museo (dominato dalla statua romana di Pompeo Magno) e la Biblioteca (dove un tempo erano conservati i fogli del Codice Atlantico di Leonardo Da Vinci). La visita prosegue scendendo lo Scalone d’onore, sormontato da volte dipinte, che porta al piano nobile superiore. Qui, tra gli appartamenti delle donne e la stanza della musica, ci si ritrova immersi nelle scene allegoriche dipinte dai Fratelli Galliari, i maggiori scenografi del Teatro Ducale di Milano.

Villa Arconati rappresenta un patrimonio artistico di grande valore e vale davvero la pena di essere visitata per le numerose opere che conserva al suo interno: se volete avere maggiori informazioni circa gli orari di apertura della villa vi consiglio di visitare il sito web ufficiale all’indirizzo www.villaarconati.it!

 

 

SHARE
Previous articleVilla Torlonia: la villa storica più recente di Roma
Next articleGuida Ristoranti Cagliari: dove mangiare a Cagliari secondo la classifica di Tripadvisor