Women of vision: le meravigliose fotografie di National Geographic in mostra a Palazzo Madama, Torino

215

Women-of-vision-600x400Appassionati di fotografia, è ora di preparare la valigia e prenotare un biglietto per Torino! E’ infatti stata da pochi giorni aperta la mostra “Women of Vision”, visitabile presso Palazzo Madama fino all’11 gennaio 2015 e dedicata ad un punto di osservazione tutto femminile, raccontato attraverso immagini dal fortissimo impatto emotivo e culturale.

“Women of Vision”: è infatti questo il titolo della mostra di fotografie di National Geographic, che raccoglie 99 immagini di 11 reporter differenti, sia per generazione che per sensibilità, ma tutte accomunate dal desiderio di far emergere tematiche di importanza fondamentale, spesso trascurate o sottovalutate. Si potranno quindi ammirare vere e proprie opere d’arte fotografiche, che con un’incredibile forza riescono a raccontare un mondo spesso dimenticato, dal dramma delle spose bambine nello Yemen all’urgenza della salvaguardia della fauna selvatica; dagli usi e costumi alquanto interessanti del popolo Sami agli adolescenti del Texas: immagini diversissime tra loro ma tutte riconducibili ad un unico punto d’osservazione, quello femminile.

Ci sono storie, a questo mondo, che possono raccontare solo le donne“: è questo lo slogan attorno al quale ruota la mostra di National Geographic, come ha spiegato chiaramente la vicepresidente della rivista Kathryn Keane, sottolineando come “solo gli occhi di una donna possono afferrare cosa significhi essere sottoposti a forme tanto brutali di sopraffazione fisica e psicologica”.

Se quindi vi appassiona la fotografia e volete ammirare opere di grandi veterane dell’obiettivo come Lynn Johson, Jodi Cobb e Maggie Steber e di talenti emergenti come invece Erika Larsen e Kitra Cahana non perdetevi questa mostra allestita a Torino: avete tempo fino all’11 gennaio!

L’idea è stata partorita da Patrizia Asproni, presidente della Fondazione Torino Musei, e la mostra è stata realizzata con il Gruppo Editoriale Espresso che da 16 anni edita la versione italiana di National Geographic. Una nuova occasione per fare un giretto culturale e di svago allo stesso tempo!

 

SHARE
Previous articleTurismo pratico: ecco i gadget più assurdi ma che potrebbero tornare utili durante un viaggio
Next articleViaggio ad Amsterdam tra shopping e ristoranti tipici