Sapori e profumi tutti italiani: alla scoperta dei piatti tipici del nostro Sud Italia

276

cannoli-1Continua oggi la rassegna dei manicaretti tipici da gustare nella nostra Penisola, da sempre rinomata in tutto il mondo per l’ottima cucina e i deliziosi sapori mediterranei. In ultimo ma non di certo per importanza, parleremo oggi del Sud Italia, che grazie alle temperature e al calore del sole che lo illumina ci regala sempre piatti dal profumo e dal sapore davvero unici!

Se vi trovate in visita in Abruzzo, una bella zuppa di castagne e ceci seguita da un agnello arrosto o un bollito di manzo vi faranno sicuramente entrare nel pieno della tradizione ma ciò che caratterizza più di tutti la cucina abruzzese sono i dolci. Da assaggiare quindi assolutamente sono i calcionetti fritti (panzerottini dolci con marmellata d’uva nera, ceci, noci, mandorle e cacao), le ferratelle e le scrippelle.

Gli strascinari al ragù, il pane con le mandorle detto piccilatiedd, o le pettole fritte con le alici sono invece piatti da provare in Basilicata, magari seguiti dai calzoncelli dolci, ossia i tipici panzerotti fritti ripieni di salsa di ceci o castagne lesse. Nella vicina Calabria, i manicaretti da assaggiare almeno una volta sono molti e vari: si va infatti dalle crespelle ripiene di alici e salumi alle scillatelle con ragù di maiale e al rinomato pesce stocco di Cittanova con la ‘ghiotta, meraviglioso sughetto dal sapore tutto mediterraneo.

Ma non si può certo parlare di sapori mediterranei senza ricordare i famosi piatti della tradizione campana: spaghetti alle vongole, cappone imbottito, minestra marinata di cicoria e “borraccia”, l’erba amara e pelosa tipica di queste zone). Una buona insalata di rinforzo inoltre, accompagnata dalle immancabili friselle e dai broccoli con aglio e peperoncino, mentre per concludere il pasto in modo dolce troviamo gli struffoli.

Per gli amanti del baccalà, in Molise è possibile degustare diverse varianti di questo piatto: il baccalà arracanato è fatto con mollica di pane, aglio, prezzemolo, uva passa, pinoli e noci, mentre quello al forno viene cotto con l’immancabile verza. Tra i dolci tipici di queta regione troviamo i calciuni, a base di farina, vino, castagne lessate, rhum, cioccolato, miele, mandorle, cedro candito, cannella, uva e vaniglia: quasi più un piatto unico che un semplice dessert!

Scendendo in Puglia, non si possono non assaggiare i fantastici panzerotti fritti o i rustici leccesi, ripieni di mozzarella, pomodoro e besciamella, l’agnello al forno con i lampascioni o dessert come le pettole (frittelle tonde), le cartellate o i porcedduzzi. 

Nelle isole, troviamo il famoso porceddu e i culurgiones de casu (ravioli ripieni di pecorino), senza dimenticare i famosi gnocchetti sardi al sugo di salsiccia in Sardegna, mentre in Sicilia spopolano soprattutto i dolci, come i cannoli, le cassate, la frutta marturana a base di mandorle, ma anche una deliziosa caponata di melanzane conquisterà i palati più esigenti!

 

 

 



SHARE
Previous articleSapori e profumi tutti italiani: alla scoperta dei piatti tipici del nostro Centro Italia
Next articleIn viaggio con Bacco a degustare i migliori vini italiani 2014