Museo Egizio Torino: come raggiungelo, orari, percorsi e tariffe

Il Museo Egizio di Torino si trova nel Palazzo dell’Accademia delle Scienze di Torino. L’imponente edificio seicentesco fu costruito nel 1679 dall’architetto Michelangelo Garove su un progetto originale di Guarino Guarini.

Nel 1824 il re Carlo Felice di Savoia fondò il Museo delle Antichità Egizie di Torino, meglio noto come Museo Egizio, acquisendo una collezione di ben 5.628 reperti riuniti da Bernardino Drovetti, console di Francia durante l’occupazione in Egitto.

Re Carlo Felice riunì la collezione di Drovetti con altre collezioni tra cui quella di Donati e con altre antichità possedute da Casa Savoia, dando cosi vita al primo Museo Egizio del mondo!

Alla collezione del Museo si sono poi aggiunti altri ritrovamenti effettuati tra il 1900 ed il 1935 dalla Missione Archeologica Italiana. All’epoca di questi ritrovamenti i reperti archeologici ritrovati da varie spedizioni straniere venivano ripartiti tra il paese di origine della spedizione e l’Egitto. Oggi le cose sono diverse, i reperti ritrovati dagli archeologi rimangono in Egitto.

Il Museo Egizio di Torino è famoso in tutto il mondo per la qualità e la quantità dei suoi reperti archeologici. Esposti al pubblico sono solo 6.500 pezzi, ma nei magazzini ne sono conservati ben 26.000. La collezione copre un periodo che va dal paleolitico fino all’epoca copta, ovvero quella dei cristiani egiziani nativi.

Opere più importanti del Museo Egizio di Torino

Il Museo Egizio di Torino, considerato tra i più importanti del mondo, rappresenta una grande occasione per ammirare le testimonianze di una delle più grandi civiltà della storia umana. Tra le opere più importanti del Museo ci sono:

  • Il Tempio Rupestre di Ellesija, un tempio fatto costruire dal Faraone Thutmose III e donato dall’Egitto all’Italia dopo che nel 1965 il Museo Egizio di Torino lo salvò dal pericolo di essere sommerso del lago Nasser.
  • Le statue delle dee Iside e Sekhmet e quella di Ramesse II.
  • Il Papiro delle miniere d’oro, una mappa delle miniere della zona nel nord-est del Sudan.
  • La tomba intatta di Kha e Merit, risalente alla XVIII dinastia in cui furono sepolti l’architetto Kha e sua moglie Merit con il corredo funerario e che fu ritrovata dall’egittologo italiano Ernesto Schiaparelli.
  • I rilievi di Djoser, faraone della III dinastia Egiziana.

Come raggiungere il museo

Il Museo Egizio di Torino si trova in via Accademia delle Scienze. Per raggiungerlo, ci sono diverse opzioni disponibili.

In primo luogo, è possibile utilizzare i mezzi pubblici. Da Porta Nuova, si può prendere la metropolitana linea 1 e scendere alla fermata PORTA NUOVA. Da lì, è possibile procedere a piedi per via Roma o via Lagrange (che diventa via Accademia delle Scienze) e raggiungere il Museo Egizio in 10-15 minuti. In alternativa, si può prendere l’autobus numero 58 o 58B e scendere alla fermata BERTOLA-1642, o il tram numero 4 e scendere alla fermata BERTOLA-247.

Da Porta Susa, si può prendere l’autobus:

  • Numero 51 e scendere alla fermata BERTOLA-469
  • Il 56 e scendere alla fermata CASTELLO-471
  • Oppure il numero 57 e scendere alla fermata BERTOLA-1642
  • Infine il numero 72 o 72B e scendere alla fermata BERTOLA-2179,

In alternativa si può usare il tram numero 13 e scendere alla fermata CASTELLO-471 oppure si può anche prendere le linee Star 1 e Star 2 e scendere alla fermata ROMA-4058.

In secondo luogo, si può raggiungere il Museo Egizio a piedi. Dalla stazione di Porta Nuova, si può prendere via Lagrange (che diventa via Accademia delle Scienze) e raggiungere il Museo Egizio in 10-15 minuti. Dalla stazione di Porta Susa, invece, si può raggiungere il Museo Egizio in circa 20-25 minuti.

Per che vuole usare l’auto, il parcheggio il più vicino al Museo Egizio è il parcheggio Roma – San Carlo – Castello, che ha gli ingressi veicolari da piazza Castello (angolo via Viotti), piazza Carlo Felice e via Lagrange. È aperto 24 ore su 24. Per maggiori informazioni sulle tariffe, è possibile cliccare su questo link. Infine, è importante notare che in centro, dove si trova il Museo, la zona a traffico limitato (ZTL) è attiva dal lunedì al venerdì, dalle 07.30 alle 10:30.

Geroglifico Egizio

Orari e costo dei Biglietti

È possibile visitare il Museo Egizio di Torino dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 18.30, mentre la domenica l’orario di apertura è dalle 9.00 alle 14.00. Per quanto riguarda le tariffe d’ingresso, il biglietto intero costa 13 € mentre il biglietto ridotto, a disposizione per i giovani dai 15 ai 18 anni costa 9 €.

Valuta anche di acquistare la Torino+Piemonte Card. Avrai l’ingresso gratuito ai più importanti musei, palazzi e castelli del capoluogo e della regione, sconti e agevolazioni per visite guidate ed eventi. Puoi acquistare una Torino+Piemonte Card da 24 ore, da 48 ore, da 72 ore o da 120 ore.

Acquista la tua Torino+Piemonte Card!

Se volete scoprire altri dettagli del Museo Egizio Torino, vi consigliamo di visitare il sito web ufficiale alla pagina www.museoegizio.it  dove potrete anche prenotare la vostra visita.

Leggi anche la nostra guida di Torino o l’artico di Cosa vedere a Torino in un giorno. Oppure la nostra visita alla Reggia di Venaria.

Tour, viste guidate e altre escursioni a Torino

 

🛡 Hai bisogno di un'assicurazione viaggio? Ti consigliamo questa!

Ti potrebbe interessare anche:

Ultimi Articoli:

Metro Torino: mappa, biglietti, orari e altre info sui trasporti a Torino

Una città che ha tanto da raccontare: la storia di Torino inizia nel terzo secolo avanti Cristo, quando venne fondata dai Taurini....

Bad Moos, Dolomites Spa Resort per il tuo benessere

Le vacanze in montagna non sono tutte uguali, anche quando ci si reca nello stesso posto, l'esperienza può essere molto diversa a...

Alla scoperta della Val Venosta, il paradiso delle vacanze.

La Val Venosta è una delle valli più belle e apprezzate della regione Trentino-Alto Adige; va dal Passo Resia, dove nasce il...

Museo delle Illusioni Milano, inganna gli occhi, intrattieni la mente

Il Museo delle Illusioni Milano è la trasposizione sul suolo italico di un "franchise" che in pochi anni ha già spopolato in...

-